Cupcake con carote e mandorle e frosting bianco

cupcake carote e mandorle e frosting al mascarponeph
Cupcake con carote e mandorle e frosting bianco

È ora di primavera. Qui da noi fatica un po’ a uscire fuori ma le forsizie del mio giardino accennano un bel colorito giallo, così come i tromboncini. I giacinti sono già sbocciati e la magnolia è un po’ indietro.
Non è epoca di carote in giardino ma, l’avvicinarsi alla Pasqua, il coniglietto pasquale, i conigli mangiano le carote, il colore bello vivace dopo giorni di pioggia….. ecco qua delle gustosissime cupcakes alle carote!

Come frosting ho provato a moderare la quantità di zucchero a velo nel composto di mascarpone, panna e ricotta, e a noi sono piaciuti moltissimo!!!!

Cupcake con carote e mandorle e frosting bianco

Ingredienti
230 gr Farina
200 gr Carote
80 gr Farina di mandorle
200 gr Zucchero
2Uova
50 gr Olio di  arachidi o girasole
70 gr Latte
1 bustina di lievito
Semi di mezza bacca di vaniglia

Procedimento:
Non avendo a disposizione la farina di mandorle, ho lavorato le nostre mandorle e cioè dopo averle sgusciate, sbollentarle  per un minuto circa per facilitare la pelatura, le ho infornate a circa 100° per  10-15 min per farle asciugare bene e farle tostare un pochino)

Quindi le ho tritate molto velocemente  aggiungendo qualche cucchiaiata dello zucchero della ricetta  (in modo che l’olio che rilascia la frutta secca quando viene tritata venga assorbito dallo zucchero) e tenute da parte . Ho poi tritato le carote insieme al latte. Nella planetaria ho sbattuto le uova con lo zucchero rimasto per circa 10 minuti a cui ho aggiunto gradatamente alternando la farina setacciata con il lievito i semi di mezza bacca di vaniglia (o qualche goccia di estratto di vaniglia), l’olio, le mandorle e le carote col latte. Ho versato  l’impasto nei pirottini riempiendoli per ¾ e ho infornato a 180° per 20 minuti.

Che profumo!!!!!

Frosting bianco

Ingredienti:
150 gr di mascarpone
50 gr di ricotta di pecora
50 gr di zucchero a velo (se piace più dolce aumentare questa quantità)
200 ml di panna montata

Procedimento:
Innanzi tutto dovendo utilizzare la ricotta per un frosting ed evitare una consistenza troppo acquosa l’ho lasciata in frigo tutta la notte all’interno in un colino per privarla del suo liquido.

Ho sbattuto bene il mascarpone a temperatura ambiente per ammorbidirlo. Ho unito la ricotta e lo zucchero a velo, montando ancora un pochino, e ho passato velocemente in abbattitore FRESCO (se la montata rilascia ancora acqua, eliminarla e montare nuovamente). Un quarto d’ora circa va già bene.

Nel frattempo ho montato la panna.

Dopodichè ho incorporato molto delicatamente i due composti con una spatola  con movimenti dal basso verso l’alto, facendo attenzione a non far smontare la massa.

Pronto il frosting ho decorato le cupcakes. Volendo spolverizzare con cacao amaro.

Moooooolto buone!!!!!!!!!!!!!!!!

P.S. Vuoi saperne di più su FRESCO? Dai un’occhiata qua https://fetteperfette.com/fresco-labbattitore-casalingo-e-non-solo/

Bugie di Carnevale

bugie1

Bugie di carnevale

 

A casa nostra si chiamano “bugie”.

Nella mia presentazione ho scritto un’inesattezza: ho parlato di quando ero piccola e ho raccontato che a casa nostra preparare i dolci era qualcosa di davvero insolito. Verissimo, mi sono però dimenticata di dire…..tranne le bugie di Carnevale 🙂 🙂 🙂 !!!!!

Era il nostro modo di festeggiare il Carnevale in casa.

Da bambina non ricordo di aver mai partecipato a feste in maschera, tant’è che ho avuto un solo costume per tutte le classi elementari. Ora non ho bene in mente, forse in prima mi sarà stato abbondante e in quinta un po’ stretto. In qualche classe intermedia mi sarà andato bene di sicuro 🙂 . Tutto ciò era per me normalissimo forse perchè per molte mie amiche era lo stesso. Alla domanda “ce l’hai il vestito di carnevale”, la risposta era “Sì”.

In tutti i casi le uniche feste di Carnevale a cui ho partecipato erano quelle a scuola, ma solo nei primi anni. Poi ricordo che la maestra non aveva più permesso che ci travestissimo in quanto non era giusto che le bambine (la mia era una classe rigorosamente femminile) che non avevano nemmeno “quel” costume vivessero la festa di Carnevale con un senso di disagio. Così finita l’epoca delle feste in maschera a scuola, io indossavo il mio costume per stare in casa e giocare in camera mia con mia sorella o con un’amica.

La mamma però non mancava mai di friggere le sue bugie di Carnevale: erano leggerissime e friabilissime e quella sì era una grande festa!!!!!!

Vorrei poter dire che questa ricetta è quella originale della mamma. In realtà lei andava molto ad occhio quindi può essere che un anno fossero più dolci, l’anno dopo più croccanti, ecc… Ho “tradotto” in grammi il suo occhio, e mi sembrano molto le sue. Quindi io continuo a farle ogni anno così:

Ingredienti:
farina forte 500 gr
zucchero 80 gr
burro 80 gr
tuorli 4
marsala secco o grappa 50 gr
1 pizzico di sale –
1 cucchiaino di lievito chimico
latte qb

Procedimento:
ho impastato tutti insieme gli ingredienti fino a formare una palla liscia e ho lasciato riposare una mezz’ora circa. Ho laminato con la macchinetta della pasta ad uno spessore di 0,2 mm. Qualcuna l’ho lasciata spessa 0,3 mm perché rimangono più morbide e mi piace poter affondare i denti anche in bugie meno croccanti. Ho tagliato le bugie e le ho fritte molto velocemente in olio bollente. Dopo aver fatto assorbire l’olio in eccesso le ho cosparse di zucchero semolato. Lo zucchero a velo va anche molto bene.

Volendo le si possono fare ripiene: una volta tagliate si spennellano con uovo sbattuto e si riempiono con marmellata/cioccolata/ricotta e zucchero/crema…  Bisogna ricoprirle con un’altra sfoglia di pasta facendo attenzione che i bordi sopra e sotto siano ben incollati, per sicurezza si schiacciano con i rebbi di una forchetta tutto intorno.

Io non le amo molto ripiene, non perché non siano buone, anzi sono favolose!!! E’ che non riesco ad abbuffarmi come piace a me …. dopo 4 o 5 mi sento super satolla 🙂 , noooo….non  le gusto come dico io 🙂 !!!

Plum cake con gli albumi accompagnato con salsina alla marmellata rossa

P1110491ph

Plum cake con gli albumi accompagnato con salsina alla marmellata rossa

Stavo cercando la maniera di far fuori un po’ di albumi dal frigo e ho iniziato a fare una ricerca in rete.

Ho salvato il testo di questa ricetta, che funziona benissimo, ma purtroppo come avevo già anticipato nella mia presentazione, non ho salvato l’autore. Onestamente non ricordo nemmeno se ho variato qualcosa dalla ricetta originale….
Se l’autore si riconosce, non esiti a contattarmi e a fornirmi il link, lo pubblicherò molto volentieri!!!
Per tornare al plum cake agli albumi, è un’ottima preparazione per quando abbiamo albumi  in esubero. Non solo, è leggero, saporito, digeribile, di quei dolci che fa sempre piacere averle pronti in casa, per un leggero dopo pasto, per la merenda o per la colazione.
Io lo preparo così:

Ingredienti del plum cake agli albumi
200 gr di farina debole
50 gr di zucchero
100 gr di zucchero a velo
3 albumi
150 gr di acqua
60 gr di olio di semi
Scorza grattugiata di un limone
Mezza bustina di lievito per dolci

Ingredienti della salsina di accompagnamento:
qualche cucchiaiata di confettura rossa
succo di limone q.b.

Procedimento:
Ho montato a neve gli albumi con 50 gr di zucchero. Ho setacciato la farina con il lievito e lo zucchero a velo.

Ho aggiunto agli albumi le polveri alternandole con l’acqua, l’olio e la scorza di limone, spatolando delicatamente dal basso verso l’alto.

Ho rivestito di carta forno uno stampo per plum cake, ma anche di altre forme vanno bene lo stesso, purchè siano di piccole dimensioni in quanto la massa non è molto grande. Vi ho versato l’impasto e ho subito infornato a 180° per circa 35-40 minuti.

Una volta cotto, ho sfornato il plum cake agli albumi, l’ho cosparso di zucchero a velo e l’ho accompagnato con una salsina di confettura rossa preparata nel seguente modo:
In un pentolino ho versato qualche cucchiaiata di confettura e vi ho aggiunto il succo di limone. Ho fatto bollire tenendo sempre mescolato fino a quando il succo di limone non è vaporizzato e la salsina ha iniziato ad addensarsi, dopodiché ho tolto dal fuoco. Ci vorranno 3 o 4 minuti.

Ho parlato di colore rosso della confettura  solo per una ragione cromatica in quanto  si crea un bel contrasto con il colore del dolce che è molto chiaro.
Questa salsina è davvero deliziosa. Bella e buona. Provatela anche su una porzione di crema pasticcera o diplomatica, o su una panna montata!!!

Ciambellone di Maurizio Santin

P1120270ph

Ciambellone di Maurizio Santin

A me piace la vaniglia. Sia come sapore, sia come profumo e una bella bacca di vaniglia morbida e cicciottella mi piace anche alla vista e al tatto.

Come aroma per questa ciambella ho scelto appunto i semini di una bacca di vaniglia.

Volete sapere come fare? Ecco qua:

Ingredienti del Ciambellone di Maurizio Santin:
4 uova
250 g di zucchero
300 gr farina debole
i semini di una bacca di vaniglia
5 g di sale
1 bicchiere di olio di semi
1/2 bicchiere di latte
7 gr di lievito

Procedimento:
Come prima cosa ho montato gli albumi con 50 gr di zucchero. Dopodichè  a parte ho montato 4 tuorli con 200 gr di zucchero, l’aroma scelto e il sale fino ad ottenere una spuma chiara. Ho versato l’olio e il latte alternando e mescolando bene a bassa velocità. Ho gradatamente aggiunto a mano con una spatola  la farina setacciata al lievito facendo attenzione ad incorporare bene senza smontare l’impasto e quindi con movimenti dal basso verso l’alto ho aggiunto gli albumi.

Ho unto ed infarinato molto bene uno stampo col buco di circa 28 cm di diametro, e vi ho versato l’impasto.
Come cottura ho calcolato 180°C per circa 40 minuti. Prima di sfornare ho comunque controllato con uno stecchino.
Dopo aver sfornato ho lasciato riposare qualche minuto nello stampo ed infine l’ho sformato in un piatto.

Sofficissimo e profumatissimo!!!!